E NELLA LISTA CIVICA DEL SINDACO È CORSA FRA «TITANI» DEL VOTO

Presentati ieri al Palazzo della Ragione i candidati al Consiglio comunale della lista “Civica per Verona-Tosi Sindaco”. All’interno della lista, coordinata dal nostro Andrea Miglioranzi (che ne è anche Capogruppo in Comune), il candidato di Progetto Nazionale Massimo Piubello, già Consigliere in 5ª Circoscrizione, dove ricopre la carica di presidente della Commissione Cultura, Tempo libero e Manifestazioni.

 

 

 

L’ARENA, Gioved’ 12 Aprile 2012

Cronaca, Pagina 14

E NELLA LISTA CIVICA DEL SINDACO È CORSA FRA «TITANI» DEL VOTO

VERSO LE ELEZIONI. Al Palazzo della Ragione presentati i candidati. Zelger: «Ma qualcuno poteva stare in panchina» In pista uscenti della compagine ma anche fuoriusciti dal Pdl oltre a esponenti della società civile Tosi: «Questo è il mio caposaldo»

 Una sfida nella sfida. Scende in campo la corazzata, che il sindaco chiama «il suo caposaldo». Cioè la lista Civica per Verona Tosi sindaco, già Lista Tosi, dove sono confluiti tanti fuoriusciti dal Pdl, che si uniscono ai «vecchi» della lista e a nuovi ingressi dalla società civile. Qui per farsi eleggere in Consiglio comunale ci vorranno fiato, gambe, testa e spalle larghe, visto che tanti fra gli ex Pdl (sospesi dal partito) sono macchine da voti e, fra l’altro, i posti in Consiglio sono 10 di meno rispetto a quello uscente, cioè 36 più il sindaco invece di 46 più il sindaco. Dopo il braccio di ferro da sfinimento con i vertici della Lega che non volevano liste personali del sindaco, risolto però un paio di settimane, la lista Civica per Verona Tosi sindaco scende in campo insieme a quella della Lega e ad altre sei. «Sociale, giovani e pensionati e poi proseguire con il passante nord con traforo delle Torricelle e con il filobus sono i temi principali su cui la nostra lista vuole continuare il proprio lavoro con il sindaco Flavio Tosi», dice il coordinatore della lista e capogruppo consiliare uscente Andrea Miglioranzi, sotto il portico del palazzo della Ragione, presentanto i candidati con il sindaco e ricandidato. Miglioranzi — coadiuvato nell’organizzazione dal leghista Fabio Venturi, vicepresidente della Provincia e presidente uscente della Quinta circoscrizione — non sarà ricandidato, ma lo saranno ancora gli assessori uscenti della Lista Tosi Pierluigi Paloschi (finanze) ed Erminia Perbellini (cultura e turismo), che non dicono di temere in maniera particolare la concorrenza interna degli ex Pdl. «Io corro in lista per far compiere un buon risultato alla Lista di Tosi: se ce la farò bene, se no pazienza. Alla mia età non ho particolari velleità politiche», dice Paloschi. «Cinque anni fa era la prima volta», dice la Perbellini, «stavolta ci arricchiamo di nuove persone e poi, comunque, parlerà ciò che abbiamo fatto». Usa una punta di polemica Alberto Zelger, consigliere uscente (con lui, ricandidati, ci sono Antonia Pavesi, Francesco Saverio Spangaro e Gianluca Fantoni): «A livello personale sono contento per il risultato politico dei nuovi ingressi», dice, «anche se chi esce da un partito prima di entrare in un altro raggruppamento dovrebbe stare un po’ in panchina, altrimenti gli elettori sono sconcertati». In pista, fra gli ex Forza Italia e An o Pdl, ci sono con Tosi il vicesindaco Vito Giacino, l’assessore Vittorio Di Dio — Destra sociale; «I problemi della Lega? La gente sa distinguere e ora si vota per le amministrative» — e l’assessore Alberto Benetti, uscito dal Pdl dov’era approdato dall’Udc: «Dopo 5 anni di opposizione insieme e dopo 5 anni insieme in Giunta, rispetto alle contraddizioni interne dei partiti l’impegnativa battaglia nella Lista Tosi mi sembra in linea con il lavoro svolto sin qui». In pista anche Massimo Mariotti, consigliere della Zai, il presidente di Acque Veronesi Anna Leso, il capogruppo uscente del Pdl Salvatore Papadia, ex Forza Italia come Stefano Casali: «Gli altri sono loro», dicono, alludendo ai consiglieri ex Pdl che sostengono invece il candidato sindaco Luigi Castelletti. E ancora Katia Forte (ex Fi), gli ex An Ciro Maschio e Antonio Lella, consiglieri uscenti. «Una scelta difficile, ma civica e amministrativa», dicono. In pista anche l’uscente Marco Giorlo (Gruppo Misto), Michele Croce del circolo l’Officina, il presidente di Federfarma Verona Marco Bacchini, Massimo Piubello del Progetto nazionale. «Questa lista, formata da esponenti già della Lista Tosi a cui si aggiungono esponenti del Pdl e della società civile, è il caposaldo della mia coalizione», commenta Tosi, «e anche stavolta mi aspetto che dia un apporto significativo per l’affermazione della nostra squadra. Nel 2007 presentammo un programma, quasi interamente attuato, e così sarà per il prossimo quinquennio».E.G.

                                                                          

 

Check Also

“CASO CAMPEDELLI”, LA SINISTRA MONTA UN CASO

La vicenda delle polemiche sulla presunta rimozione del docente di religione cattolica all’istituto Scipione Maffei, …