NOI “I NUOVI PADRONI” NON LI VOGLIAMO

Un signore dalle spalle strette, dall’occhialino studiato, dalla capigliatura canuta, dall’atteggiamento sobrio (d’altronde lui è di cultura anglosassone) è stato chiamato “coram populo” a sistemare i conti italici. Peccato che non siamo più nell’antica Roma e che Monti non sia né un valoroso generale né un novello Cincinnato chiamato a gestire la “dittatura” per fronteggiare barbari invasori.

Qui da fronteggiare c’è la minaccia finanziaria e Monti, guarda caso, è diretta emanazione del mondo delle banche e dei poteri forti e reali!

Qualcuno che si era addormentato con le strofe della favoletta di un’Italia repubblica democratica fondata sul lavoro, s’è risvegliato nell’Italia repubblica presidenziale fondata sui Mercati e sullo spread

Ci sarebbe da sorridere dell’eterno italiano che insulta i perdenti e plaude ai nuovi padroni, se non ci stessimo già interrogando sul sibillino richiamo del Professore a “sobri sacrifici”…

Noi i nuovi padroni non li vogliamo, anzi, non vogliamo proprio padroni!

  

Check Also

“CASO CAMPEDELLI”, LA SINISTRA MONTA UN CASO

La vicenda delle polemiche sulla presunta rimozione del docente di religione cattolica all’istituto Scipione Maffei, …