PIÙ STATO E MENO BANCA

Oggi lo Stato non è sovrano, non può emettere moneta; per poter attuare politiche economiche deve chiederla in prestito dalle banche centrali (enti di natura privata) verso le quali s’indebita. Il debito con relativi interessi lo pagano i cittadini con le tasse. Le Banche centrali stampano moneta dal nulla, al solo costo irrisorio della materia prima e delle spese tipografiche, ma ne addebitano allo Stato il valore nominale (di facciata) gravato da interessi: è la colossale truffa del signoraggio su cui si fonda il debito pubblico.

Lo Stato ha il dovere etico e morale di tornare ad emettere moneta accreditandola ai cittadini all’atto di emissione, quindi in nome e per conto del popolo. Il debito accumulato nei confronti degli istituti di credito è illegale perché frutto di una truffa e va ripudiato, non pagato!

Check Also

PUÒ ESSERCI “TENUTA DEL PAESE” SENZA LA DIGNITÀ, IL CORAGGIO, LA LIBERTÀ, L’AMOR PATRIO?

Secondo taluni il non volere Mario Draghi alla guida dell’Italia sarebbe, oltre ad un crimine …