GAZEBO A SAN GIOVANNI LUPATOTO E A CEREA

Inutile eludere la questione cardine: la finanza vuole divorare la ricchezza nazionale e i risparmi dei cittadini, ai danni di chi produce e dell’economia reale.

Il debito pubblico non può essere sanato da alcuna manovra “dolorosa ma indispensabile”: è una spirale che si autoalimenta esponenzialmente a causa della truffa del signoraggio.

Oggi un sistema bancario degenerato governa le nostre vite. Noi vogliamo che sia lo Stato a governare le banche. Noi vogliamo che lo Stato torni ad emettere autonomamente (magari attraverso la Zecca e sotto il controllo del Ministero del Tesoro) moneta in nome e per conto del popolo italiano, come ha già fatto per oltre cento anni della sua storia.

Domenica 18 Dicembre saremo quindi presenti col nostro gazebo a San Giovanni Lupatoto (Piazza Umberto I) e a Cerea ( Via Paride), per ribadire il concetto del dovere non derogabile di un Stato, degno di tal nome, di emettere e mettere in circolazione moneta nella misura necessaria alla vita economica della Nazione, stroncando il perverso meccanismo d’indebitamento col sistema bancario (BCE e FMI in primis).

 

Check Also

PUÒ ESSERCI “TENUTA DEL PAESE” SENZA LA DIGNITÀ, IL CORAGGIO, LA LIBERTÀ, L’AMOR PATRIO?

Secondo taluni il non volere Mario Draghi alla guida dell’Italia sarebbe, oltre ad un crimine …