PROBLEMA SICUREZZA: IL GOVERNO ALIMENTA LE CONDIZIONI CHE PEGGIORANO LA SITUAZIONE

Questa settimana si è riunita la Commissione consiliare sulla Sicurezza: aumentano le criticità in città, e tra i cittadini crescono insicurezza, timori e richieste di maggior attenzione da parte dell’amministrazione.

Si pensa come risposta più immediata all’installazione di nuove telecamere di videosorveglianza nelle zone considerate a rischio.

Il capogruppo della Lista Tosi Massimo Piubello ha però messo in guardia colleghi e cittadini su una soluzione che può essere sì in parte utile, ma non certo risolutiva (e che ha oltretutto costi non indifferenti coi chiari di luna che ci sono oggi). I problemi che generano una crescita della criminalità sono vari e spesso stanno a monte.

Serve progettualità mirata alla gestione del territorio e al recupero degli spazi in degrado, senza dubbio, ma le idee e la buona volontà hanno bisogno anche della sostenibilità economica, che giorno dopo giorno, taglio dopo taglio, minor trasferimento dopo minor trasferimento, viene a mancare.

L’amministrazione mette e metterà in campo le risorse a disposizione, ma non si può andare avanti all’infinito con un governo che da un lato col suo fare vampiresco continua a succhiare risorse agli enti locali, dall’altro depenalizza reati e mostra di non avere nessuna intenzione di porre freno all’insostenibile fenomeno immigratorio!

Il governo ce la sta mettendo tutta per mettere in sempre maggior sofferenza le amministrazioni locali. È normale che le critiche ricadano nell’immediato sui politici che più direttamente e quotidianamente si interfacciano coi cittadini, ma ci sono gravi responsabilità che vanno poste in evidenza.

Ufficio Stampa

Problema sicurezza in città_Articolo su L'Arena

Check Also

PUÒ ESSERCI “TENUTA DEL PAESE” SENZA LA DIGNITÀ, IL CORAGGIO, LA LIBERTÀ, L’AMOR PATRIO?

Secondo taluni il non volere Mario Draghi alla guida dell’Italia sarebbe, oltre ad un crimine …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.