ASSEMBLEA GENERALE: PROGETTO NAZIONALE ALLE ELEZIONI!

Sabato 26 gennaio 2013, presso la sala congressi dell’Hotel San Marco a Verona (via Longhena, 42), si terrà l’assemblea generale dei circoli di Progetto Nazionale Fiamma Futura.

È un appuntamento calendarizzato annualmente ma che questa volta assume un sapore del tutto nuovo: Progetto Nazionale sarà infatti presente alle prossime elezioni politiche del 24-25 febbraio.

Solo in Veneto, troverete la sorpresa del contrassegno elettorale di Progetto Nazionale sulla scheda del Senato e della Camera (Collegio 1 PD RO VI VR).

I tempi stretti determinati da una decisione presa in extremis hanno penalizzato oltremodo i circoli del collegio camerale di Veneto 2 (BL TV VE) che non hanno beneficiato d’un tempo sufficiente per organizzarsi al meglio e raccogliere le firme richieste per la presentazione della lista.

 L’entusiasmo comunque c’è e le aspettative sono alte.

Di fronte ad una tornata elettorale nazionale, dal significato espressamente politico (contrariamente alle elezioni locali amministrative) non avremmo potuto mancare di coerenza appoggiando chi ha finto opposizione al governo Monti o chi pur opponendovisi s’è coalizzato con chi ha accettato “responsabilmente”  i cappi che lo Sceriffo di Montingham e l’eurocrazia hanno stretto al collo degli italiani, studenti, lavoratori, famiglie e imprese.

Una scelta di coerenza, di dignità e d’indipendenza. Un segnale forte che non poteva che partire dal Veneto. E se a qualcuno darà fastidio peggio per lui.

Nessuna scelta “romana” calata dall’alto; questa volta ci candidiamo e ci votiamo: come comunità di destino!

Progetto Nazionale Fiamma Futura rimane un soggetto politico e culturale dialogante ma libero.  Fatevene una ragione.

Tutto il resto è inutile, come il voto dato ai teatranti centro-destro-sinistri…

Luca Zampini

 PATRIA NAZIONE POPOLO

Ripartire dal territorio!

Assemblea generale_VR_26-01-2013

Check Also

“CASO CAMPEDELLI”, LA SINISTRA MONTA UN CASO

La vicenda delle polemiche sulla presunta rimozione del docente di religione cattolica all’istituto Scipione Maffei, …