CON LA SALUTE DEI BIMBI NON SI SCHERZA

Lettera aperta

Verona, 31 ottobre 2013

Sulla scia dei recenti scandali scoppiati a Verona in seguito alle inchieste che coinvolgerebbero diversi rappresentanti, a vario titolo, dell’amministrazione Tosi e che incrinerebbero, a detta di alcuni, un cosiddetto e non meglio specificato “sistema Verona” (credo si alluda al modo di amministrare del sindaco Tosi e dei suoi collaboratori), mi ha colpito la protesta, davvero fuori luogo, inscenata dal Movimento 5 Stelle capeggiato dal consigliere comunale Gianni Benciolini.

I grillini, nei giorni scorsi, hanno esposto sulle scalinate di Palazzo Barbieri uno striscione recante la scritta “I ghe dà da magnar la sabbia…al posto della carne”, il riferimento è ad una frase intercettata tra gli inquisiti dello scandalo Agec (bandi di gara per l’assegnazione del servizio di mensa scolastica truccati, secondo l’accusa). Benciolini e i suoi rincaravano la dose in un volantino sul tema, vagheggiando di un sistema criminale disposto a far male anche ai bambini (pag.7 L’Arena, lunedì 28 ottobre).

Ecco, proprio perché di bambini, e quindi di madri, di padri, di famiglie, stiamo parlando, mi domando con quale leggerezza e con quale irresponsabilità i grillini abbiano potuto marciare su di una vicenda così delicata, spendendosi in tanta demagogia solo per ritagliarsi un po’ di visibilità.

Capisco che sulla demagogia anti-casta il Movimento 5 Stelle abbia costruito le sue temporanee fortune politiche, ma ci sono argomenti ed argomenti.

Probabilmente per qualcuno è accettabile alimentare preoccupazioni, psicosi collettive e allarmismi con affermazioni calunniose gratuite, prive di riscontro oggettivo.

La questione dei presunti appalti pilotati per le mense scolastiche va scrupolosamente appurata per via giudiziaria, e gli eventuali colpevoli puniti secondo quanto prescrive la legge, ma che i figli dei veronesi abbiano mangiato sabbia è tutto da dimostrare, anzi, l’Usl 20 di Verona, attraverso controlli accurati, ha smentito tale tesi allucinante. Per una frase estrapolata da una intercettazione telefonica si è messo in discussione l’operato del Sian (Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione che si occupa della tutela della salute pubblica, aspetti igienico-sanitari in primis) e screditare i tanti buoni amministratori e politici (e ce ne sono ancora, checché ne dicano i grillini e tutti i folgorati sulla via dell’antipolitica), in Comune e negli Enti, che mai opererebbero scelte scellerate contro i più piccoli (qualcuno forse dimentica che anche i politici e gli amministratori possono avere figli…).

Nessuna anomalia di rilievo è finora emersa durante le ispezioni e i controlli effettuati.

Cari grillini, avete perso una buona occasione per dimostrare che non siete fatti della stessa pasta di quella mala politica che a parole tanto avversate.

Ma si sa, ogni polemica è buona per farsi pubblicità in politica, anche a rischio di coprirsi di ridicolo.

Luca Zampini

Coordinatore provinciale di Verona

Progetto Nazionale

Check Also

“CASO CAMPEDELLI”, LA SINISTRA MONTA UN CASO

La vicenda delle polemiche sulla presunta rimozione del docente di religione cattolica all’istituto Scipione Maffei, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.