DA PIOVEZZANO AL BRANCHETTO È SEMPRE LA SOLITA STORIA

La vicenda dei richiedenti asilo (in realtà 13 “migranti economici” provenienti da Nigeria, Ghana e Benin) al Passo del Branchetto, nel territorio di Bosco Chiesanuova, presso l’edificio che ospitava la vecchia seggiovia – struttura in disuso da 25anni, con tutto quel che ne consegue in termini di inadeguatezza… – è l’ennesima perla della modalità di gestione dell’accoglienza coatta con trattativa Stato-privati; l’immancabile decisione calata dall’alto, sulle teste degli amministratori e dei cittadini; una prassi che allarga le distanze e acuisce la tensione tra il territorio e le istituzioni governative; giustificate e legittime, quindi, le lamentele e le preoccupazioni dei sindaci del territorio, a partire da Claudio Melotti, primo cittadino di Bosco Chiesanuova e Paolo Garra di Cerro V.se.

Recentemente a Piovezzano, frazione del comune di Pastrengo, un episodio ancora più sintomatico; il Commissario Prefettizio dott. Nicola Noviello (subentrato alla guida del Comune a causa della caduta dell’amministrazione Varolo) ha deciso, con la delibera n.31, di locare temporaneamente (fino al 31/05/2018, ma rinnovabile per ulteriori due anni, fino al 31/05/2020) l’edificio dell’ex-scuola ad un soggetto che si proponga per gestire l’accoglienza dei profughi (dalle 15 alle 20 unità), attraverso un bando pubblico.

A nulla sono finora valsi l’intervento e gli sforzi di Andrea Bassi, Vice-Presidente del Gruppo Consiliare Lista Tosi presso il Consiglio Regionale del Veneto.

Nulla interessa, al Commissario Prefettizio, che la struttura sia in pieno centro, vicina a scuola materna, chiesa ed esercizi commerciali; nulla interessa, al Commissario Prefettizio, che della struttura abbia finora beneficiato la Pro Loco che vi organizza manifestazioni varie tra cui il grest estivo; nulla interessa, al Commissario Prefettizio, che la struttura è oggetto di un progetto di riqualificazione del costo di 255mila euro dei quali 179mila già concessi dalla Regione; nulla interessa, al Commissario Prefettizio, che siano state raccolte in loco, in pochissimo tempo circa 700 firme di cittadini contrari a questa scelta.

Quando diciamo Commissario Prefettizio, diciamo Prefettura, quindi Viminale, quindi Governo.

Ecco, appunto, un governo, quello di Renzi, falsamente angelico, ma realmente distruttivo e nemico della coesione sociale, che vuole imporre una generosità collettiva di Stato (quando la generosità è un atteggiamento individuale che dipende dalla volontà del singolo); una generosità collettiva che presuppone che vi sia una delega popolare, visto che viene esercitata grazie al denaro dei contribuenti…ma questa “delega”, esercitata attraverso la costrizione, non è stata ottenuta attraverso alcuna consultazione, né su scala nazionale, né regionale, né comunale.

Accoglienza senza se e senza ma. È la priorità!

A illuminarci sulla reale natura di questa “priorità”, che stiamo subendo, ci pensa il Papa.

In un colloquio con il Corriere della Sera, Bergoglio ha definito i clandestini “il seme miracoloso che consentirà all’Europa di tornare ad essere fertile sul piano demografico“.

Secondo la visione dell’attuale occupante del Soglio di Pietro i clandestini sarebbero paragonabili a Sara, la moglie di Abramo, che ebbe un figlio in tarda età. Secondo lui «’Europa è come Sara, la moglie sterile di Abramo, che prima si spaventa ma poi sorride di nascosto» e la speranza è che l’Europa “sorrida di nascosto” agli immigrati…mentre la stuprano.

«L’Europa deve e può cambiare. Deve e può riformarsi. Se non è in grado di aiutare economicamente i paesi da cui provengono i profughi, deve porsi il problema di come affrontare questa grande sfida che è in primo luogo umanitaria, ma non solo».

Ovvero, visto che non siamo in grado di aiutarli a casa loro, allora facciamoli venire qui (centomila, un milione, un miliardo…non importa) e facciamoci sostituire un po’ alla volta.

Umanitarismo al servizio dell’economia, un’economia usuraia, di sfruttamento e speculazione, mascherata da una verniciatura di morale. È lo spirito del tempo, di questa post-modernità che non risparmia nessuno…ma a cui noi vogliamo/dobbiamo contrastare i disegni e cambiare di segno.

Progetto Nazionale – Verona

Check Also

PUÒ ESSERCI “TENUTA DEL PAESE” SENZA LA DIGNITÀ, IL CORAGGIO, LA LIBERTÀ, L’AMOR PATRIO?

Secondo taluni il non volere Mario Draghi alla guida dell’Italia sarebbe, oltre ad un crimine …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.