ANCHE A SONA PROGETTO NAZIONALE CHIEDE LA CITTADINANZA ONORARIA PER LATORRE E GIRONE

Sulla scia dell’iniziativa del consigliere Massimo Piubello a Verona, l’ex consigliere comunale di Sona e referente di Progetto Nazionale “Zona Lago”, Matteo Tinelli, si è fatto promotore nella sua zona della proposta di concedere la cittadinanza onoraria del comune morenico ai due marò prigionieri in India, Latorre e Girone.

A seguire i testo del documento, fatto protocollare in Comune martedì 19 agosto, con cui si interpella l’amministrazione del sindaco Gianluigi Mazzi.

******************************************************************

Sona 19/08/2014

Alla cortese attenzione Sig. Sindaco di Sona Gianluigi Mazzi Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Sona Roberto Merzi Consiglieri Comunali di Sona

Oggetto: Conferimento della Cittadinanza Onoraria a Massimiliano Latorre e Salvatore Girone

Premesso che dal febbraio 2012 i due marò sono trattenuti in India con l’accusa di aver provocato la morte di due pescatori scambiati per pirati;

Preso atto che i due sottoufficiali, a distanza di due anni e mezzo, sono ancora in attesa di un processo che ne stabilisca l’eventuale colpevolezza o innocenza;

Preso atto del loro senso patriottico, la loro dedizione al servizio in difesa dei diritti internazionali;

Preso atto della sostanziale inerzia dell’attuale governo così come del precedente sulla vicenda e il silenzio della comunità europea ed internazionale che relega il “caso Latorre e Girone” nel dimenticatoio;

Considerato il rispetto e la tutela dovuti verso le Forze Armate;

Chiedo al Consiglio Comunale di Sona di dare mandato alla Giunta di attivarsi per il conferimento a Massimiliano Latorre e Salvatore Girone della cittadinanza onoraria, esprimendo con questo gesto il senso del dovere morale di una comunità che intende rendere omaggio a due uomini, simbolo di un’Italia che reagisce con fermezza all’ingiustizia.

Cordialmente

Matteo Tinelli

I due_Maro

Check Also

PUÒ ESSERCI “TENUTA DEL PAESE” SENZA LA DIGNITÀ, IL CORAGGIO, LA LIBERTÀ, L’AMOR PATRIO?

Secondo taluni il non volere Mario Draghi alla guida dell’Italia sarebbe, oltre ad un crimine …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.