CASO KYENGE: «SCONTRO A TUTTO CAMPO» O POLEMICA MARGINALE?

La polemica depistante, l’ennesima, questa volta “scaturisce” dalla mancata solidarietà al Ministro per l’integrazione Cécile Kyenge da parte del Consiglio comunale: sarebbe stato fatto mancare appositamente il numero legale giovedì in aula; ad innescarla, secondo la solita stucchevole matrice, una mozione presentata dal Pd.

Le cose però non starebbero propriamente in questi termini, più verosimilmente la maggioranza vuole presentare un proprio documento, dove accanto alla condanna degli sciocchi attacchi verbali subiti dalla sig.ra Kyenge, si mettono anche in rilievo alcuni aspetti sulla questione immigrazione/integrazione e si ribadisce la contrarietà del Comune di Verona allo ius soli.

Trovare equilibrio ed onestà intellettuale di questi tempi sembra davvero impresa ardua.

Della vicenda non stupisce invece che per qualcuno la solidarietà si debba declinare secondo i canoni di un ipocrita ed interessatissimo umanitarismo di maniera e buonismo di facciata.

Sorge spontaneo il sospetto che per taluni la polemica sia buona e strumentale per deviare gli aspetti seri e concreti dei problemi, deviando il dibattito nel vicolo cieco delle questioni marginali.

Mala tempora currunt.

Luca Zampini

Progetto Nazionale – Verona

Coordinatore provinciale

***********************************************************************************************************

Al seguente link http://www.larena.it/stories/Home/539252_caso_kyenge_scontro_a_tutto_campo/ trovate un articolo tutto sommato oggettivo sulla vicenda.

Check Also

“CASO CAMPEDELLI”, LA SINISTRA MONTA UN CASO

La vicenda delle polemiche sulla presunta rimozione del docente di religione cattolica all’istituto Scipione Maffei, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.