CONTINUA IL FLUSSO DI RICHIEDENTI ASILO NELLA BASSA VERONESE

Nei giorni scorsi i militanti della Bassa Veronese di Progetto Nazionale sono stati impegnati in alcune iniziative di contrasto alle problematiche dell’immigrazione,

Martedì 9 agosto, nel tardo pomeriggio, volantinaggio in stazione a Legnago e zone limitrofe in seguito agli episodi criminali registrati nelle settimane precedenti (continuano comunque le segnalazioni di degrado ed episodi negativi con protagonisti immigrati); giovedì 11 agosto, in serata, distribuzione gratuita di gelati ai bambini presso il parco della piccola frazione ceretana di Aselogna dove le famiglie residenti hanno iniziato a disertare la frequentazione dell’area verde a causa della presenza di richiedenti asilo.

Oggi (lunedì 22 agosto) sul quotidiano L’Arena l’annuncio di nuovi arrivi in provincia di Verona; nello specifico, per quanto riguarda la Bassa pianura veronese, si indica il numero di 100 richiedenti asilo a Sanguinetto, 57 a Cerea, 50 a San Vito di Legnago…

La gente, legittimamente preoccupata per il peggioramento della quotidianità e per la mancanza di prospettive future, vede di buon occhio la nostra presenza, e ce lo testimonia di persona.

Noi offriamo sostegno, a spese nostre, agli italiani; “politici” e speculatori vari mantengono, coi soldi dei lavoratori italiani, gli immigrati sedicenti “profughi”. Trovatela voi la differenza…

Progetto Nazionale sarà sempre vicino agli italiani d’origine – a prescindere da mire elettorali – a fronte di una operazione sordida e perversa che mira alla riduzione drastica delle retribuzioni dei lavoratori italiani, all’abbassamento delle tutele sociali, e alla graduale sostituzione etnica.

Lo ha “certificato” in una recente intervista al Corriere della Sera anche il Prefetto Mario Morcone, Capo del Dipartimento Immigrazione, che ha proposto di impiegare i richiedenti asilo nel settore delle costruzioni, nell’assistenza agli anziani e nei lavori di pubblica utilità in genere, nell’agricoltura…con l’introduzione di meccanismi premiali quali la concessione del permesso umanitario per chi si dimostrasse ben disposto al lavoro!

Mentre ci distraggono con false questioni su burqa, burkini o sulle fogge di un costume o di un abito esotico, il problema è DEMOGRAFICO! Priorità, aiuti pubblici, solidarietà, organizzazioni umanitarie per gli stranieri, lento declino e abbandono per le famiglie italiane.

Noi non ci stiamo!

ASELOGNA_L'Arena_12 agosto 2016

L’Arena, articolo del 12 agosto sull’iniziativa ad Aselogna

ASELOGNA_Distribuzione gelati al parco_agosto_3 ASELOGNA_Distribuzione gelati al parco_agosto_2

I militanti  si dirigono al parco di Aselogna – Il consigliere comunale Simone Ferrari con alcuni residenti

LEGNAGO_stazione_9 agosto_1 LEGNAGO_stazione_9 agosto_2

Volantinaggio in stazione a Legnago

Check Also

“CASO CAMPEDELLI”, LA SINISTRA MONTA UN CASO

La vicenda delle polemiche sulla presunta rimozione del docente di religione cattolica all’istituto Scipione Maffei, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.