DON GIUSEPPE GRAZIANI: FINALMENTE UN MINIMO DI RISPETTO AL SUO “CURRICULUM VITAE”

Su L’Arena di oggi, pag. 13, nell’articolo “Ad Avesa in memoria degli eroi della polveriera”, l’articolista Giuseppe Cerpelloni colma alcune lacune – da noi segnalate – del suo precedente scritto (“Il «ponte» della Liberazione tra ricordi e corse”, del 22 aprile u.s.) relative alla figura del Cappellano Militare della R.S.I. e parroco vicario della frazione di Avesa.

Riconosciamo in questo caso al giornalista la predisposizione, non sempre diffusa tra i suoi colleghi, di saper “correggere il tiro” sull’oggettività delle vicende storiche e il rispetto della realtà, soprattutto in prossimità di date come quella del 25 aprile, che sono tutt’altro che momenti festosi, unificanti e di “memoria condivisa” per gli italiani, contrariamente a quanto si cerca di conculcare a livello “culturale” e istituzionale”. Ben altri momenti unificanti e condivisibili, a volerli vedere, si potrebbero trovare al posto del 25 aprile…

Cogliamo l’occasione per aggiungere alcune immagini (ci scusiamo per la qualità non eccelsa) che meglio fotografano la figura del prete originario di Bardolino.

Luca Zampini

POLVERIERA DI AVESA_articolo_L'Arena_24-04-2016-bassa

DON GIUSEPPE GRAZIANI_celebrante DON GIUSEPPE GRAZIANI_Fronte di Nettuno_primavera 1944

 DON GIUSEPPE GRAZIANI_LA SPEZIA_ benedizione gagliardetto Barbarigo_febbraio 1844 DON GIUSEPPE GRAZIANI e i feriti

Check Also

COMMEMORAZIONE CADUTI DELLA GRANDE GUERRA A CEREA E LEGNAGO

Sabato 3 novembre, nel Centenario della Vittoria, i circoli territoriali di Cerea e di Legnago …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.