IMMIGRAZIONE: RACCOLTA FIRME CONTRO L’ACCOGLIENZA-BUSINESS E L’ACCORDO STATO PRIVATI A SAN BONIFACIO

Parte oggi dal Comune di San Bonifacio la raccolta firme per la petizione di sensibilizzazione contro l’accoglienza-business e il meccanismo di accordo tra Stato (Ministero dell’Interno/Prefettura) e privati, che scavalca le amministrazioni locali nel reperimento di strutture per l’accoglienza coatta dei richiedenti asilo, scaricando le ricadute sulle comunità e il territorio.

I militanti del nostro circolo territoriale referente per la zona est della provincia scaligera saranno oggi pomeriggio (sabato 12 marzo) e domani (domenica 13 marzo) in Piazza Costituzione dalle ore 15.30 alle 18.30.

L’iniziativa verrà prossimamente replicata anche in altri comuni del veronese.

Sono ormai una trentina, tra capoluogo e provincia, i comuni del veronese che ospitano presunti “profughi”; l’accoglienza sta diventando sempre più frequentemente un modo per “fare impresa” e riconversione di attività economiche in difficoltà, naturalmente coi soldi pubblici (sia che si tratti di contributi europei sia che si tratti di stanziamenti statali); un “dettaglio” che troppo spesso sfugge ai “filantropi” che fanno solidarietà coi soldi degli altri.

Oltre a ribadire il nostro fermo no all’immigrazione come fenomeno negativo in sé, diciamo ancor più chiaramente no ad una immigrazione deregolamentata e fuori controllo. Già si sono registrati anche da noi casi di irregolarità a fronte dei dovuti controlli effettuati da sindaci più attenti e solerti di altri nel verificare il rispetto delle regole da parte di società e singoli cittadini che mettono a disposizione strutture non a norma nel loro slancio di “generosità e solidarietà”.

Il caso “Buzzi/Roma Capitale”, alla lunga potrebbe rivelarsi un sistema diffuso fatto di ingordigia, parassitismo, intrecci di interessi torbidi, meccanismi malati e logiche perverse sotto il “parafulmine” dell’emergenza (una emergenza che è ormai strutturale!), come ha sibillinamente lasciato intendere il capo dell’Anticorruzione Raffaele Cantone davanti al Parlamento nel novembre 2015, e come ha in parte denunciato il giornalista Mario Giordano nel suo ultimo libro “PROFUGOPOLI. Quelli che si riempiono le tasche con il business degli immigrati”.

È dovere delle amministrazioni mantenere sempre alta la vigilanza e la trasparenza per evitare ulteriori derive che aggiungerebbero dramma a dramma.

Coordinamento provinciale

Progetto Nazionale Verona

NO BUSINESS ACCOGLIENZA_manifesto_raccolta firme_bassa

SAN BONIFACIO_raccolta firme_L'Arena_12-03-2016

L’Arena, sabato 12 marzo 2016

Check Also

PUÒ ESSERCI “TENUTA DEL PAESE” SENZA LA DIGNITÀ, IL CORAGGIO, LA LIBERTÀ, L’AMOR PATRIO?

Secondo taluni il non volere Mario Draghi alla guida dell’Italia sarebbe, oltre ad un crimine …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.